Perché e come sfruttare i Social Media per la tua attività di Network Marketing – Frisoni Inside
Alessandria (AL) - 15121
info@frisoninside.it

Perché e come sfruttare i Social Media per la tua attività di Network Marketing

Oggi se ti occupi di Network sai bene quanto sia importante avere un flusso di contatti continuo per poter portare avanti la tua attività.

In qualche articolo precedente , nella sezione Network , avevo parlato di come i nostri contatti rappresentino il capitale sociale della nostra attività.

“Se i contatti finiscono, finisce il tuo Network”

E’ fondamentale avere una strategia, un metodo applicabile e duplicabile di generazione contatti, sia online che offline. I più grandi Networker , quelli che hanno vissuto il Network quando ancora non esistevano Facebook , Instagram e tutti gli altri Social Network, anche loro hanno capito l’importanza di spostare la loro attività da offline ad online.

Cosa intendo per spostare?

Semplicemente, iniziare ad utilizzare l’online per supportare il tuo business a livello offline. Non consiglio di sostituire l’Offline con Online completamente, ma di sfruttare al massimo  questo strumento che oggi abbiamo e che molte volte è gratuito.

Non hai contatti, semplicemente perché utilizzi i due strumenti più potenti al mondo per generare contatti, per guardare cosa fanno le altre persone o per guardare altri video che distolgono il focus dalla tua attività e soprattutto sono dispendiosissimi di tempo. 

STOP! E’ ora di iniziare ad utilizzare i canali sociali (Facebook e Instagram) per il tuo business, i tuoi profili social devono lavorare per te nella generazione di contatti, è estremamente importante oggi giorno, più che mai, sfruttare al massimo questi strumenti.

Viviamo in un mondo IPER-CONNESSO, pertanto questi elementi svolgono un ruolo cruciale nel successo della nostra attività.

Vediamo come utilizzare i profili social al meglio

5 Step Pratici per avere più successo nel WEB: 

  1. Immagini di qualità: le immagini svolgono un importante compito quando le utilizziamo come immagini del profilo e di copertina. Prova a pensarci un attimo, se una persona ti contattasse con una foto del profilo di bassa qualità, magari che è ad una festa, mentre beve birra, o altre immagini di questo tipo e ti parla chiedendoti informazioni o per proporti la sua attività di Network, quanto tempo dedicheresti ad ascoltarlo? Sono sicuro che lasceresti subito perdere. Quindi questo è quello che dobbiamo evitare nel nostro profilo, utilizziamo solo foto di qualità. Per l’immagine del profilo utilizziamo solo noi come soggetto, mentre nell’immagine di copertina possiamo anche usare un’immagine dove ci troviamo in gruppo, magari anche una foto con il tuo team di lavoro, senza necessariamente dover scrivere qualcosa, una foto pulita va più che bene.
  2. Non utilizzare i tuoi profili Social per lavare i panni sporchi: nei tuoi profili evita di parlare di problemi. Tutti abbiamo ogni giorno qualunque tipo di problema , chi più e chi meno, anche lo stesso Trump, Ronaldo, Valentino Rossi, ma nei loro canali sociali non pubblicano nulla riguardante i vari problemi che possono avere, semplicemente perché la gente non è interessata ai tuoi problemi e seconda cosa andresti a sporcare la tua immagine. (Quindi la prossima volta che scrivi uno stato su Facebook lamentandoti della multa che hai appena preso, ricordati quello che ti ho appena detto). Comincia a comportarti sui canali Sociali come i grandi del settore.
  3. Evitare elementi polarizzanti: non parlare di calcio, politica, religione. Con questo non sto dicendo che devi annullare le tue credenze, ti sto semplicemente dando i consigli migliori per avere un buon posizionamento a livello online. Parlare di questi argomenti non aiuta di certo il buon posizionamento della tua immagine, quindi mettiamoli da parte per quanto riguarda i profili Social.
  4. Differenzia profilo personale e pagina di lavoro: consiglio che do sempre è quello di aprire una pagina Facebook aziendale da utilizzare per la tua attività da promuovere. E’ molto importante separare vita privata da vita lavorativa. Il profilo personale ti serve per pubblicare i tuoi contenuti inerenti a quello che fai della tua vita appunto personale, magari creando anche frasi motivazionali che non guastano mai, mentre nella pagina di lavoro vai a creare contenuti inerenti alla tua azienda e al network in generale. In questo modo separando gli argomenti non ti farai odiare da quella lista di amici al quale non interessa nulla della tua attività di Network. Altro aspetto importante di possedere una pagina aziendale è che puoi creare delle pubblicità andando a mostrare la tua attività di Network a persone in target e quindi interessate a quello che stai svolgendo.
  5. Evita di spammare link e svendere la tua azienda: avrai già visto milioni di volte post su Facebook dove ti scrivono “registrati qui e inizia a guadagnare” oppure “nessun costo, nessun limite, registrati ora e cambia la tua vita”, oppure “La mia azienda è differente, no prodotti , no vendita, no qui, no la” e miriadi di altri post di questo genere. Ecco, pensaci un attimo, quante volte sinceramente ti è venuta la voglia di cliccare sopra quei link ed effettivamente registrarti?  Penso che non ti sia passato per la testa, semplicemente perché dietro post di quel genere non c’è valore e se non c’è valore, non vi è motivo di fare la cosiddetta “Call to Action”. Il tuo obiettivo per farti conoscere e far conoscere successivamente la tua attività di Network è quella di creare ogni giorno contenuti di valore, che la gente possa apprezzare, condividere e restare incollato alla tua pagina in attesa del prossimo post interessante che andrai a pubblicare, diversamente stai solo creando SPAM cioè spazzatura e sul web è pieno.

Ecco i 5 step pratici di base per iniziare ad usare i tuoi canali sociali da professionista, il discorso è molto più ampio ma questi sono senz’altro punti di partenza da poter curare e soprattutto sono gratuiti.

Un ultima cosa , impara a dare valore come riportato nello step 5 e ricordati sempre che “Nel Network le persone scelgono le persone e poi le aziende” .

Alberto Frisoni