LA SCORCIATOIA PER LA RICCHEZZA, QUELLA FINTA – Frisoni Inside
Alessandria (AL) - 15121
info@frisoninside.it

LA SCORCIATOIA PER LA RICCHEZZA, QUELLA FINTA

 

 

Qualche giorno fa ho letto un’articolo riguardante il gioco d’azzardo, devo ammettere che per un attimo mi sono venuti i brividi. 

L’articolo spiegava come in periodo di crisi il gioco d’azzardo, gratta e vinci, slot machine facciano il BOOM di incassi e se da una parte va a gonfie vele il business per queste compagnie che distribuiscono questi servizi, dall’altra c’è un salasso economico. 

L’essere umano è pigro, cerca sempre la scorciatoia

Moltissime persone ambiscono al successo, al denaro nella propria vita ma appena dici che bisogna lavorare sodo e fare sacrifici oltre che ottenere nuove competenze e pertanto dedicare ore intense alla formazione, tutto di punto in bianco cambia e più nessuno è disposto a lavorare per crearsi un futuro che forse vuole ma non abbastanza. 

Ma dove vanno a finire le persone che ambiscono a grandi somme di denaro? 

Vanno a cercare le famose scorciatoie, ovvero si rifugiano in tabaccheria a fare gratta e vinci sperando un giorno di trovare la giocata vincente che gli farà cambiare la vita. 

La verità scomoda sta in queste due cose:

  • Non esiste la scorciatoia per la ricchezza
  • Il denaro per averlo e per mantenerlo devi saperlo creare 

Perché affermo questo? 

Le persone naturalmente spendono tanti soldi in quelle realtà perché naturalmente è più facile anziché iniziare un percorso di formazione/trasformazione per acquisire competenze che ti permettano di mettere su business che ti generino denaro. 

 

 

L’essere umano vuole ottenere grandi risultati facendo il minimo indispensabile

Non si può ottenere una grande ricchezza se non si è disposti a mettersi in gioco per imparare nuove skills, e se questo denaro dovesse per caso un giorno arrivare da una vincita non ti basterebbe per cambiare la tua vita, nel giro di 5 anni ritornerebbe nelle tasche del 5% della popolazione che è istruita a livello finanziario.

Sai perché questo? 

Il denaro segue tre fasi:

  • imparare a produrlo
  • imparare a gestirlo
  • imparare a mantenerlo costante ed in crescita nel tempo

Queste abilità le puoi avere solo se sei istruito finanziariamente, una vincita al SuperEnalotto non ti renderà istruito, nel giro di poco inizierai ad alzare il tuo tenore di vita , concedendoti spese che momentaneamente puoi permetterti ma non sapendo produrre altro denaro il tuo capitale d’ora in poi può solo finire e molte volte le persone tornano a zero anzi adesso sono più indebitate di prima. !uesta è un po’ la storia “triste” di moltissime star dello spettacolo, modelle, calciatori, personaggi famosi che hanno guadagnato molto nella loro vita per il loro talento ma senza un’adeguata istruzione finanziaria ti rimarrà ben poco di quel denaro una volta terminata la tua carriera. 

L’istruzione finanziaria non dovrebbe essere un OPTIONAL

Molti pensano che non devono preoccuparsi dei propri soldi e non devono imparare a gestirli/investirli perché per quello esistono i consulenti finanziari delle banche che lo faranno. 
Voglio fermarmi un attimo qui, ogni volta rimango allibito quando sento persone che affidano parte dei risparmi e li mettono in fondi pensionistici, BOND, o altri certificati di questo tipo, in poche parole affidano ad un consulente i propri soldi anziché imparare a gestirli. 

Questo non è un modo saggio per gestire denaro, però anche qui è la via più facile a tal punto che i rendimenti sono del 1% lordo che al netto iniziano a diventare lo 0,7 / 0,6 % annuo, ma dobbiamo anche tenere conto che ogni anno abbiamo un’inflazione del 1,5/2% vuol dire che se il nostro rendimento annuo è di 0,7% , noi stiamo perdendo esattamente 0,8% ogni anno dai soldi che il nostro consulente bancario ci gestisce, ma questo molte persone non lo sanno oppure lo sanno ma siccome l’ha detto il loro consulente pensano sia oro colato.

Questo è un altro chiaro esempio di come le scorciatoie non ti portano denaro ma bensì te lo tolgono. 

Vediamo alcuni dati inerenti al gioco delle schedine “gratta e vinci”, in modo da aprire un po’ la mente e fare chiarezza anche sulle false “vincite” che ci sono: 

Più o meno esiste 1 possibilità di vincere su 662 milioni. Esistono svariati modelli di gratta e vinci , circa 60 ed il costo di un tagliando va da 1 a 20 euro, a seconda del tipo di gioco e la vincita varia dai 7000 a 7 milioni di euro. La probabilità di trovare un biglietto vincente è del 26%.

In altre parole, una possibilità su quattro. Ma su 37 milioni di biglietti chiamati vincenti, più della metà ridanno indietro solo la cifra spesa. Altro che vincita. 

Questi sono solo alcuni dati che dovrebbero far capire l’importanza di acquisire un’istruzione finanziaria anziché cercare altre scorciatoie, anche perché con dati alla mano le cosiddette vincite che avvengono non sono altro che i soldi che noi abbiamo versato nel tempo per arrivare a quella vincita, quindi si chiude in PAREGGIO.

Concludo questo articolo indicando che nella vita le scorciatoie non esistono per creare denaro e se ci sono durano poco, pertanto per raggiungere un elevato controllo sul nostro denaro, imparare a produrlo e accrescerlo è necessario un buon quoziente di istruzione finanziaria che non ha nulla a che vedere con “gratta e vinci” oppure “ho investito i soldi in banca all’interesse del 1,5% lordo annuo”, questi “servizi” sono per le persone che cercano le scorciatoie e mi auguro che se stai leggendo questo articolo che il tuo intento sia quello di elevare il tuo quoziente finanziario.

Grazie,

Alberto Frisoni