Gli unici 5 modi per indirizzare il traffico verso il tuo business – Frisoni Inside
Alessandria (AL) - 15121
info@frisoninside.it

Gli unici 5 modi per indirizzare il traffico verso il tuo business

In questo articolo andiamo a parlare dei 5 modi con cui puoi portare traffico per i tuoi business online.

Il marketing online esisteva molto prima della nascita dei social attuali quali Facebook, Instagram, Youtube o LinkedIn ed oggi grazie a questi strumenti abbiamo sotto certi aspetti la vita “più facile” o per lo meno la via spianata.

 

Di seguito ti riporto 5 modi con cui portare traffico alle tue attività online:

 

  1. Guadagnartelo con la creazione di contenuti  

Il primo modo per indirizzare traffico alle tue attività sarà quello di creare contenuti e quindi di fatto diventare un vero “content creator” ovvero una persona che inizia a creare contenuti in merito alle proprie attività, contenuti che diano valore al mercato ma che allo stesso tempo vendano qualcosa e guidino il pubblico ad entrare poi nel tuo funnel o alle tue offerte.

Il problema di questo punto è che dovrai fondamentalmente “guadagnartelo” il traffico. Cosa intendo con questo, che dovrai essere costante e creare contenuti che diano un valore aggiunto alle persone , e di conseguenza metterti in gioco investendo tempo e sforzi per creare un buon asset che ti porti poi traffico.

 

2. Comprarlo (Traffico a pagamento)

Uno dei modi più veloci per avere traffico e quindi anche risultati è quello di comprarlo attraverso l’uso di Facebook ADS, Google ADS, Instagram ADS, YouTube ADS. Questo naturalmente comporta competenze in materia e la capacità di poter investire denaro per acquisire questo traffico (che ricordiamo è il migliore).

Qualsiasi business online che abbia poi una sostenibilità nel tempo si basa su questo tipo di traffico, perché il traffico a pagamento permette di prevedere e stimare i risultati di un’attività online e permette di scalare la stessa. Quando naturalmente un’attività online funziona, più si aumenta il numero di visitatori che atterrano sul vostro sito, che arrivano nel vostro funnel, che atterrano sulle vostre pagine e più aumentano anche i vostri risultati.

 

3. Prendere il traffico da terzi

Uno dei modi per avere fin da subito un database di contatti con cui monetizzare è l’acquisizione di liste email da parte di altre persone del settore e nella nicchia in cui il vostro business si trova oppure l’utilizzo della loro visibilità per farvi promuovere e quindi acquisire allo stesso tempo la vostra di visibilità e la conseguente monetizzazione. C’è un però, nel caso in cui una persona che ha un bacino di utenze vi promuove (in cambio di denaro o di un affiliazione) è ben diverso che comprare una lista e poi iniziare a inviare email a quella lista (ricordiamo che oggi le liste email possono essere acquisite solo se conformi agli standard del GDPR).

Il motivo é semplice, voi comprate una lista da 10.000 persone, fin qui tutto bello, il punto è che queste persone non vi conoscono e di colpo si ritrovano a ricevere email da uno “sconosciuto”. Capite il problema? 
Decisamente meglio essere introdotti dalla persona che detiene quella lista di email, l’approccio è diverso.

Comunque non è uno dei modi che io consiglio per avere traffico per le proprie attività.

 

4. Riciclo del traffico

Questo è un concetto semplice ma molto trascurato. Molti acquisiscono traffico e poi lo lasciano morire all’interno di una mailing list quando in realtà il ricircolo dello stesso aumenterebbe la % di conversione. Questo è ovviamente possibile se uno ha un’eco-sistema per farlo e consiste nel utilizzare il traffico che arriva dal vostro funnel (quindi vi hanno dato nome+email) e farlo girare poi in altri fonti educative come il vostro canale YouTube, il vostro Blog o il vostro canale Instagram, state usando lo stesso traffico ma gli state mostrando allo stesso tempo aspetti diversi della vostra attività, questa cosa aumenta la “fiducia” e quindi la possibilità di conversione finale.

 

5. Re-Targeting

Questa è una funzione che trovate nel business manager di Facebook Ads ma lo trovate anche su Google Ads e con questa funzionalità voi potete andare a riprendere persone che hanno visitato pagine specifiche del vostro funnel, del vostro sito web e guidarli all’acquisto del prodotto, o a svolgere la funzione che a voi interessa.

Capita spesso che il nostro pubblico potenziale inizia a svolgere delle azioni sul nostro sito e poi per una qualsiasi ragione deve abbandonare non terminando l’azione che avevano iniziato, come fare per ricordargli quello che avevano lasciato in sospeso?

Attraverso un’azione di retargeting. In questo modo noi andiamo a prendere proprio quelle persone specifiche e gli ricordiamo di completare quello che avevano lasciato in sospeso.

 

Un consiglio iniziale per chi si approccia all’inizio all’acquisizione di traffico soprattutto attraverso il cosiddetto “traffico a pagamento” , è quello di focalizzarsi su una piattaforma da cui prendere il traffico che in questo caso è Facebook e solo dopo spostarsi a fare advertising su altre piattaforme, solo quando il vostro business sta crescendo notevolmente e sentite il bisogno di avviare un’altra fonte di traffico allora vi sposterete, non prima.